La visita oculistica è la valutazione complessiva di tutti gli aspetti anatomo-funzionali dell’apparato visivo.

Comprende:

  •  l’Anamnesi, ovvero un colloquio in cui il paziente espone al medico la propria storia clinica e lo mette al corrente dei propri disturbi (sintomi);
  • l’Esame dell’acuità visiva (abitualmente conosciuto come esame della vista);
  • l’Esame obiettivo dell’occhio eseguito alla lampada fessura;
  • la Tonometria (misurazione della pressione oculare) e l’Esame del Fondo Oculare, previa instillazione di colliri midriatici, per lo studio della retina.

In base all’esito della visita, l’oculista valuta se effettuare altri test diagnostici, che possono essere eseguiti contestualmente alla visita, oppure in un momento successivo.